Blog

Unbreakable Kimmy Schmidt

La serie che mi ha fatto sorridere e ricordare quanto sia importante non prendersi troppo sul serio!

Voglia di sorridere? Di distrarsi dalla solita routine? Ecco fatto: guarda Kimmy e le sue esilaranti avventure tra il comico ed il grottesco!

Una puntata tira l’altra in un vortice di comicità e stramberie che nasconde una morale profonda e significativa.

Tra i miei tanti momenti di “io sto a casa con Nicolò e… Netflix” ho incrociato la cover di Unbreakable Kimmy Schmidt e ho iniziato a guardare il trailer che mi ha incuriosita… ma non troppo! Ho deciso di dare una chance a questa serie un po’ bizzarra e minuto dopo minuto, puntata dopo puntata… Kimmy e l’istrionico Titus mi hanno conquistata!

La storia che fa da filo conduttore è basata sul sequestro della protagonista che si trasferisce a New York per iniziare una nuova vita. Detta così potrebbe sembrare la sintesi di un racconto drammatico, ma vi assicuro che Unbreakable Kimmy Schmidt è tutto tranne che un dramma 😊.

Kimmy è una pazza scatenata che vive tra le nuvole in un mondo tutto suo condividendo uno sgangherato appartamento sotterraneo con Titus, aspirante attore, gay, egocentrico e matto per la maionese (un personaggio che lascia il segno).

La loro è un’amicizia vera, pura e sempre fuori dalle righe e ad accompagnare questi 2 bislacchi personaggi nelle loro giornate curiose e singolari ci sono Lilian e Jacqueline (amavo Jane Krakowski, l’attrice che la interpreta sin dai tempi di Ally McBeal e ritrovarla qui è stata una bellissima sorpresa) rispettivamente proprietaria dell’appartamento e datrice di lavoro di Kimmy.

Entrambe hanno un ruolo che evolve nel tempo, ma restano comunque delle costanti nelle disavventure che si susseguono episodio dopo episodio.

Molto divertenti sono le incursioni di guest star del calibro di Lisa Kudrow, Jeff Goldblum, Joshua Jackson (😍), Busy Philipps, Richard Kind, Zachary Quinto, Ray Liotta e altri, che hanno impreziosito le trame con i loro volti; altrettanto esilaranti sono le citazioni ed i continui riferimenti alle serie tv più in voga negli anni ’90-2000.


Kimmy e Titus bucano lo schermo della tv con i loro outfit sempre appariscenti e mai scontati, con le loro frasi fuori luogo e battute no sense e ti divertono dal primo all’utlimo minuto della puntata.

Cosa mi ha insegnato Unbreakable Kimmy Schmidt?

Kimmy mi ha ricordato che per far sentire la propria voce non sempre è necessario urlare, che nei momenti più difficili anche il sorriso può essere un’arma, che l’ironia è in grado di lanciare un messaggio forte, che è importante fare del bene e ricordare ogni giorno che le donne sono forti tanto quanto gli uomini, ma vanno tutelate e protette.

 

Consiglio questa serie a chi ama sorridere, a chi non sempre riesce a prendersi poco sul serio e a sdrammatizzare situazioni critiche e difficili. Evviva Kimmy Schmidt!

…. Intanto attendo un eventuale ritorno con le puntate che prevedono l’interazione dell’utente che, da casa, può decidere colpi di scena da far accadere e finali di puntata. Vi tengo aggiornati 😊

CONDIVIDI
Moi

Sono Francesca, mamma, moglie, figlia, sorella e amica.

Amo scrivere, leggere, guardare serie tv, andare al cinema, parlare, parlare, parlare e... ridere!